error_outline PARTECIPA IN SICUREZZA: Indossa la mascherina • Rispetta la distanza di sicurezza • Lava spesso le mani • Sii puntuale ;)

+

Una mostra a cura di Pelin Tan e di Liam Gillick


GIORNATE DI APERTURA DELLA MOSTRA

Dal 30 Novembre al 6 Gennaio | CHIUSO Martedì - Mercoledì

Il 24 ed il 31 Dicembre | APERTURA STRAORDINARIA

Dal 7 Gennaio | APERTURA Venerdì - Sabato - Domenica

 

I-DEA è un progetto pilastro di Matera 2019. Si occupa dell’analisi e della rappresentazione della ricca storia culturale, artistica e antropologica della regione Basilicata attraverso mostre, performance e laboratori ispirati all’archivio. Il progetto adotterà un approccio di accumulazione: ogni artista sarà invitato a stravolgere, rielaborare e modificare l’allestimento dello spazio prodotto dai curatori precedenti. In questo modo, I-DEA diventerà una performance collettiva in flusso continuo che si evolverà e cambierà durante il corso dell’anno. Nei periodi di transizione tra una mostra e l'altra, i visitatori potranno assistere dal vivo all’allestimento prodotto dall’artista.

Abitare gli archivi: Vita, movimento, raccolto

Alla lettera, un’abitazione è il luogo in cui uno dimora. Nel contesto di questa mostra, l’abitazione è intesa come strumento utile alla costruzione e alla interpretazione di una società. L’intreccio degli archivi esposti erge il problema dell’abitare a tema centrale del XX secolo, rileggendolo nel contesto attuale dei flussi migratori nel Mediterraneo e degli sfollamenti che interessano la regione Basilicata.

Prendendo le mosse da questi presupposti, la mostra tenta di decostruire le narrazioni lineari sui progetti abitativi modernisti ideati dopo la Seconda Guerra Mondiale e di reinterpretare il discorso sulla società urbana, che spesso adombra innumerevoli altre storie di abitazioni e di spostamenti (di persone, colture, dimore, infrastrutture) all’interno della regione.

La mostra attinge a una ricca mole di archivi e di casi-studio per intrecciare vicende, ufficiali e non, incentrate sul tema dell’abitazione, vicende accomunate dal comune impulso che le ha generate: la volontà di cambiare la società da cima a fondo, nel micro come nel macro. Si scrive così una microstoria dell’Italia del dopoguerra osservata dalla prospettiva della Basilicata.

La mostra si sofferma sui temi del quotidiano, delle condizioni di lavoro e del vissuto di un luogo e di una comunità prendendo le mosse dalla riforma agraria del 1950 e dall’esodo dai Sassi verso quartieri di nuova costruzione iniziato alla fine degli anni ’40, passando attraverso la loro ri-occupazione da parte degli attivisti extraparlamentari di sinistra negli anni ’70 e arrivando all’odierno afflusso di migranti dal Mediterraneo. La presenza del passato nel contemporaneo è indagata con l’intento di comprendere in che modo il primo sia archiviato e in che modo possa essere de-archiviato in funzione di una narrazione futura delle nostre storie condivise.

Pelin Tan: è una sociologa e docente di architettura turca. La sua ricerca verte sui commons, sul lavoro e sui metodi trasversali utilizzati nella ricerca artistica e nel design.                                                                 

Liam Gillick: artista, vive a New York. Il suo lavoro si sofferma sugli aspetti disfunzionali dell’eredità modernista – soprattutto rispetto ai temi dell’astrazione e dell’architettura – collocata in un consenso globalizzato e neoliberale; si estende inoltre al ripensamento strutturale del concetto di mostra intesa come forma.

Crediti: Gervasio Ungolo, Abbattimento casolare a Boreano, 2015. Archivio: Osservatorio Migranti della Basilicata


Per le scuole

Mercoledì e Giovedì su prenotazione visita guidata per le scuole. La mostra è adatta a studenti di scuole secondarie di I° e II° grado.
Numero massimo studenti per visita guidata: 50
Prenotazioni: passaporto@matera-basilicata2019.it 

Info aggiuntive

SOSTENUTO / PATROCINATO

Evento sostenuto da Matera 2019

Evento patrocinato da Matera 2019

Programma ufficiale di Matera 2019

organizzato da

Fondazione Matera Basilicata 2019

Profilo


Co-organizzatori

Abitare gli archivi: Vita, movimento, raccolto

arte contemporanea

Quando

da Sab 30 Novembre 2019

Lun 20 Gennaio 2020

dalle h 10.00 alle h 19.00

Orario consigliato di arrivo:

Dove

Cava Paradiso

Contrada La Palomba Matera (MT)

Mappa

Costo e Target

A pagamento

Adatto a tutti, Adatto alle scuole, Adatto a pubblico di settore

Info aggiuntive

SOSTENUTO / PATROCINATO

Evento sostenuto da Matera 2019

Evento patrocinato da Matera 2019

Programma ufficiale di Matera 2019

organizzato da

Fondazione Matera Basilicata 2019

Profilo


Co-organizzatori

Eventi simili

+

Preferenze Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.
Necessario
PHPSESSID, egoCookie, cc
Statistica
_ga, _gid
Marketing
datr, fr, sb, wd
Questa pagina fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Per informazioni dettagliate sull’impiego dei cookie e come revocarne l’autorizzazione cliccare sul seguente link Maggiori Informazioni
Preferenze Accetta