#MATERAEVENTS

con Stefano Micelli


educationletteratura
dom 17 marzo 2019 alle h 12.00
Casa Cava
Via S. Pietro Barisano, 47 Matera (MT)
Gratuito - fino ad esaurimento posti

Adatto alle famiglie
Adatto alle scuole
Adatto ai giovani 16 - 30
Adatto a pubblico di settore
Adatto agli adulti
descrizione

Lectio Magistralis di Stefano Micelli

Nel percepito quotidiano, il significato dell’aggettivo “artigianale” oscilla ancora oggi fra un’accezione negativa, che ne fa il sinonimo di “rudimentale” o “approssimativo” e un’accezione particolarmente positiva, che associa il termine a maestria e a qualità superiore. La prima associazione riflette l’assunto, o meglio il pregiudizio, secondo cui la pratica dell’artigiano è incompatibile con la scienza e la tecnologia, il che mette il suo sapere ai margini della modernità che produce sviluppo e valore economico.

Per contro, quando il saper fare artigiano si eleva a eccellenza e maestria, il risultato è necessariamente un prodotto per élite esclusive, lontane dalla vita e dall’esperienza dei più.

Questa polarizzazione fra estremi rivela la difficoltà nel trovare una collocazione plausibile alla figura dell’artigiano nel nostro contesto economico e sociale. Questa incertezza riflette scarsa riconoscenza e rivela poca lungimiranza.

Gran parte della manifattura italiana ha ancora oggi un profondo legame culturale con un modo di pensare il valore e il lavoro riconducibile alla dimensione artigianale. A differenza di altre economie, la competitività della produzione Made in Italy ha beneficiato del confronto e dell’ibridazione fra saper fare della tradizione e innovazione tecnologica.

In Italia siamo chiamati a ragionare su come queste tecnologie possono sostenere un modello di produzione caratterizzato da una precisa idea di qualità e valore. Ciò ha certamente importanti implicazioni economiche, ma ne ha altrettante sul piano strettamente culturale.

In un mondo che si interroga, giustamente, sul futuro del lavoro e sulle implicazioni di una sua possibile scomparsa, il nostro paese può diventare un punto di riferimento per coloro che credono che il lavoro debba rimanere momento di espressione di sé e che le merci – più che testimoniare la ricchezza di chi le acquista – debbano rappresentare prima di tutto il medium fra sensibilità e culture diverse.


continuità e rotture


Tutti gli eventi di Festivalfilosofia arrow_forward_ios

Tutti gli eventi del progetto Città Resilienti. Dialoghi filosofici tra Modena e Matera arrow_forward_ios

211 visualizzazioni evento

Co-organizzatori
Consorzio Festival Filosofia
matera
40.6685 - 16.6093
Visualizza mappa ingrandita
Crea itinerario
+

Preferenze Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.
Necessario
PHPSESSID, egoCookie, cc
Statistica
_ga, _gid
Marketing
datr, fr, sb, wd
Questa pagina fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Per informazioni dettagliate sull’impiego dei cookie e come revocarne l’autorizzazione cliccare sul seguente link Maggiori Informazioni
Preferenze Accetta