#MATERAEVENTS

Visita guidata alla mostra Rivers of Dust e presentazione del progetto di ricerca Dopo Leonardo


educationarte contemporaneadigitaleletteraturamusica
ven 12 luglio 2019
Ipogei di San Francesco
Piazza San Francesco, Matera MT
Gratis

Adatto a tutti
Adatto alle famiglie
Adatto alle scuole
Adatto ai bambini
Adatto ai giovani 16 - 30
Adatto a pubblico di settore
Adatto agli adulti
descrizione

Il progetto di divulgazione Dopo Leonardo ruota intorno alla figura e all’opera di Leonardo Da Vinci, approfondendo l’influenza del suo pensiero sul particolare tema del rapporto tra scienza e irrazionale, e investigandone gli impatti e i lasciti ai posteri: nato e formatosi sul finire del Medioevo, Leonardo sviluppa una personalità intellettuale che supera ampiamente i limiti dell’uomo medievale e, conservando al contempo alcune matrici del pensiero della sua epoca, dà vita a una riflessione sulla natura delle cose estremamente moderna. Da un lato, infatti, egli supera la visione dei suoi coetanei, piuttosto limitata, per ciò che riguarda la considerazione della realtà come fenomeno razionale, interpretabile e spiegabile attraverso leggi matematiche; dall’altro, al contrario, mantiene viva una dose di scetticismo che lo porta a vedere il mondo e (soprattutto) il comportamento degli uomini come qualcosa di imprevedibile, che si può calcolare con esattezza solo fino a una certa soglia, per approssimazione.
Questa convivenza tra opposti contraddistinguerà tutta l’esperienza del mondo pre-moderno, quello che precede cioè l’Illuminismo: all’ascesa della scienza come forza dominante nel campo culturale e politico, si contrappone fortemente il dubbio, l’irrazionalità, che si manterrà come opposto forte e costante ancora fino al Settecento (da dove verrà decisamente messa in secondo piano). Teorie rivoluzionarie come l’eliocentrismo, la rotondità della terra, l’esistenza di società umane nel sud del mondo, teorie che smentiscono pienamente la scienza degli antichi Greci e Romani e aprono orizzonti immensi, stentano comunque a imporsi come verità assoluta, per via di pregiudizi e dubbi irrazionali che ne minano gli assunti. Si continua a credere, ancora in età moderna, alle verità di Aristotele e, più che altro, laddove queste siano evidentemente sconfessate (il tema è intimamente leonardesco: si pensi ai primi tre Proemi, che vertono sul tema dell’autorità negata), si cerca di trovare un compromesso tra nuovo e antico.
Tutto ciò era stato ampiamente anticipato da Leonardo, tanto nella sua parabola biografica (in punto di morte rinnegò il proprio ateismo – era un ‘loico’, cioè un ‘logico’, come Guido Cavalcanti: altra cosa molto medievale – e abbracciò la fede), quanto negli scritti letterari, che mostrano un conflitto difficile da sanare tra ragione e irrazionalità. La «’sperienza», che a detta di Leonardo «non falla mai» (Pensieri, 15a), è pur sempre uno strumento nelle mani dell’uomo, che può non indovinarne il contesto o usarla in modo errato: concetti modernissimi (si pensi, ad esempio, al “Principio di indeterminazione” di Heisenberg, secondo cui anche nella misurazione più esatta si cela un margine di errore), che Leonardo intuisce con straordinaria precocità e che segnano la storia della scienza dell’età moderna. Tutto secondo Leonardo, anche la misurazione, è questione di prospettiva; il concetto investe anche la scienza: c’è una profonda distanza tra ciò che pensiamo di un fenomeno e la sua realtà, distanza che solo alle volte la scienza, quando impiegata correttamente, riesce a colmare, spiegandoci la natura delle cose.
Questa ambiguità di Leonardo è un qualcosa che, a ben vedere, arriva fino al contemporaneo, se è vero che ci sono da sempre state, anche in pieno Novecento, correnti contrarie all’eccessivo scientismo e che anche oggigiorno si mantengono vive.

Sarà possibile nell'ambito della visita guidata, venire in contatto con le esperienze artistiche presentate dalla mostra, con una presentazione del progetto Dopo Leonardo, e dei contenuti che lo caratterizzano (il progetto è stato scelto tra i progetti di divulgazione Umanistica della Regione Friuli Venezia Giulia)

Su prenotazione: +375 5532009





70 visualizzazioni evento

organizzato da
Current
Profilo   Altri eventi
+

Preferenze Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.
Necessario
PHPSESSID, egoCookie, cc
Statistica
_ga, _gid
Marketing
datr, fr, sb, wd
Questa pagina fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Per informazioni dettagliate sull’impiego dei cookie e come revocarne l’autorizzazione cliccare sul seguente link Maggiori Informazioni
Preferenze Accetta