#MATERAEVENTS
arrow_back_ios  Torna alla lista eventi

Con Marcello di Paola e i curatori Francesco Scaringi e Giuseppe Biscaglia


scienza
dom 16 giugno 2019 dalle h 17.30 alle h 19.00
Campus Unibas
Via Lanera Matera (MT)
Gratuito - fino ad esaurimento posti

Adatto a tutti
descrizione

Marcello Di Paolo conduce un'attenta ricerca sulle questioni ambientali che lo porta dentro la discussione sull’Antropocene: con Gianfranco Pellegrino ha scritto Nell’Antropocene. Etica e Politica alla fine di un mondo, edito da DeriveApprodi per la collana Habitus. Il termine “Antropocene” è apparso nel lessico scientifico grazie al premio Nobel per la chimica atmosferica Paul Crutzen. Lo scienziato lo utilizzò per definire l’epoca geologica in cui l’ambiente terrestre, inteso come l’insieme delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche in cui si svolge ed evolve la vita, è fortemente condizionato a scala sia locale sia globale dagli effetti dell’azione umana.

Nell'epoca in cui gli esseri umani sono una forza della natura superiore alle altre, una forza capace di determinare il corso della storia del pianeta Terra, si aprono molteplici interrogativi. Se la discussione è in atto, diverse ne sono le prospettive, a partire da quale senso e significato possa avere oggi il termine “natura” e quale debba essere la funzione di un essere umano che, auto-collocatosi al centro del mondo, sembra aver guadagnato in potenza ma perso il controllo, secondo il sogno illuminista.

Saltano i parametri d’interpretazione fin qui adoperati, altri sono già presenti, altri sono ancora da sviluppare rispetto al vertiginoso paradosso temporale per cui il futuro possa essere avanti o già collocato alle nostre spalle in modo irredimibile.

Cambiare ottica significa ridefinire comportamenti e decisioni, etica e politica, inglobando nel nostro orizzonte ciò che è stato radicalmente escluso. L’attuale indagine scientifica, per esempio, evidenzia come i vegetali mostrino forme di attività, intelligenza, percezione e comunicazione: essendo alla base della creazione della condizione della vita stessa, quali mutazioni di prospettiva comporterebbe la necessaria presa di coscienza di questi fattori?

«Per questo, non è tanto questione di dare alle piante uno statuto giuridico e una posizione morale, ma di ridefinire un’etica e una politica in continuità con l’insieme del vivente del quale siamo parte».



Petrolio. Uomo e natura nell’era dell’Antropocene
a cura di Francesco Scaringi e Giuseppe Biscaglia
Sezione Pensiero geo-logico
a cura di Francesco Scaringi e Giuseppe Biscaglia


continuità e rotture


Tutti gli eventi di Petrolio | Giacimenta_giorno 6 arrow_forward_ios

Tutti gli eventi del progetto Petrolio arrow_forward_ios

190 visualizzazioni evento

Co-organizzatori
Basilicata 1799
Sponsor
BCC Basilicata
matera
40.6621 - 16.6027
Visualizza mappa ingrandita
Crea itinerario
+

Preferenze Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.
Necessario
PHPSESSID, egoCookie, cc
Statistica
_ga, _gid
Marketing
datr, fr, sb, wd
Questa pagina fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Per informazioni dettagliate sull’impiego dei cookie e come revocarne l’autorizzazione cliccare sul seguente link Maggiori Informazioni
Preferenze Accetta